pensieri ed immagini della mia vita

Articoli con tag ‘#lagomaggiore’

La dispensa del folletto

L’inverno sul lago è ormai un pallido ricordo, nonostante qualche montagna sia ancora spruzzata di bianco, le colline che incorniciano il nostro bellissimo lago da brulle e tristi si stanno rinnovando tornando verdi e rigogliose e come sempre mi meraviglio della bellezza di questi paesaggi, i prati si ricoprono del giallo intenso delle primule, mughetti e tarassachi che fioriscono stoicamente anche tra le fessure dei muretti a secco.

WP_20160317_001 (2)

WP_20160409_10_59_43_Pro (2)WP_20150418_008WP_20150418_005 1

WP_20160326_15_41_16_Pro (2)

Finiti i viaggi, almeno fino a novembre, è ora di scrollarci dalle spalle quel senso di svogliata indolenza che mi avvolge da novembre a febbraio e rimettermi in moto, la cantina e la dispensa ormai sono desolatamente vuote, consumate dalle mille occasioni conviviali che nel periodo dei saturnali prendono le dimensioni esagerate dei sontuosi baccanali del Re Sole dove il cibo sommerge le tavole imbandite e la birra scorre impetuosa come un fiume in piena. E’ ora di ricominciare a produrre come lo scorso anno oltre la birra una piccola scorta di marmellate, composte e sott’aceti vari depredando alberi da frutto e barattando dai vari coltivatori di orti quello che mi serviva. Ho sperimentato un po’ di ricette nel corso della stagione scorsa alcune delle quali fornitemi dai cuochi che lavorano con me al ristorante, e spero di trovare il tempo di condividerne con voi alcune. La prima cotte di questo 2016 bisesto sarà una decina di litri del mio idromele che è diventato oramai un classico della mia produzione. Intanto però non sono proprio a bocca asciutta ho ancora qualche litro dell’ultima cotta della scorsa stagione, dopo tante birre scure avevo bisogno di tornare agli albori della mia produzione brassicola facendo una birra chiara poco impegnativa da bere al aperitivo/merenda e trovando poco soddisfacenti le lager mi sono orientato verso il mondo delle “bianche”. In gioventù amavo piazzarmi in riva al lago d’ estate e gustarmi una bella Hoegaarden, mettevo su un paio di hit rock presenti nel vecchio juke box e limonavo duro con la mia fidanzatina dei tempi, e seguendo questo piccolo ricordo giovanile mi sono orientato sulla produzione di una Blanche che naturalmente ho personalizzato secondo i miei gusti. Nei vari post del “folletto della birra”  ho raccontato scampoli di storie leggende del mio lago, scoprendo un mondo fatto di fate e briganti, diavoli e santi storie che si perdono in un passato pagano donandomi un altro modo di vedere e vivere il paesaggio che mi circonda. E come al solito mi sono rivolto a questo mondo per trovare ispirazione che è giunta durante ad una delle mie passeggiate per i boschi, appenda fuori dal centro di Brisino andando verso il cimitero si trova un pannello……

#birra  #birra, #LagoMaggiore

 #birra, #LagoMaggiore, #Stresa

Continuando per il sentiero, passeggiando per antichi vigneti e frutteti terrazzati che il tempo e l’incuria ha restituito alla natura mi sono ritrovato a immaginare chi fosse questa Exobna quale fosse stata la sua vita, era una principessa celta, una umile contadina, un druido dai misteriosi magici oppure una fiera guerriera che si opponeva alla invasione delle legioni romane che portavano la Pax imperiale sulla punta dei loro gladi e come il mio solito mi sono perso nelle mie fantasticherie corroborate da anni di letture Fantasy, cercando tra le eroine che mi hanno emozionato di più, ma tra tutte queste principesse, maghe e prostitute quella che nella mia mente assomigliava di più a Exobna era Ygritte la fiera moglie di lancia dei bruti che con la sua breve apparizione nelle Cronache del ghiaccio e del fuoco mi era entrata nel cuore con la sua storia tragica, purtroppo non tutte le belle storie hanno un lieto fine.

#Ygritte, #LagoMaggiore, #Brisino 

Così una volta tornato a casa mi sono messo d’impegno e spremendo ogni singola goccia del mio scarso talento nel disegno ho cercato di dare forma alla mia Exobna per dare un’etichetta alla nuova nata………naturalmente con risultati come al solito discutibili. Intanto mentre scrivo questo post il mio idromele fermenta allegramente ed io mi concedo un sorso della mia birra mentre guardo il mio bellissimo lago e mi godo una stupenda giornata primaverile. Una piccola pausa perché come recita il motto di casa Stark “L’ inverno sta arrivando” e la dispensa del folletto va riempita.

2014-05-06-571wp_20160427_15_50_17_pro (2)

Intervista a mondoteo

Oggi accantono un’attimo il piccolo taccuino di appunti di viaggio per proporvi l’intervista pubblicata settimana scorsa da Carlo L’antiviaggiatore. Intervista nata così per caso rispondendo a qualche post su un groppo di facebook che parla di blog e viaggi nel quale si discuteva su quali libri erano da portare in viaggio, io scrivevo che i libri di Salgari erano un’ottimi compagni durante un roadtrip in Asia, da li ne è nata una divertente chiaccherata su avventure salgariane e viaggi che si è poi trasformata nell’ intervista che potrete leggere cliccando sulla foto qua sotto, buona lettura!

 

#Salgari, #Asia, #Amoviaggiare

Neve, Leggende e homebrewing.

Anno nuovo……cotte nuove incomincio così questo nuovo appuntamento con il folletto della birra, la stagione scorsa avevo brassato circa una novantina di litri di birra che in questi mesi ha allietato le varie occasioni conviviali o serate intime in compagnia dei miei amati libri fantasy, adesso sono preso per i romanzi di Morgan Rice, insomma non sono mancate occasioni per stappare una buona birra. Di conseguenza la mia povera cantina sta cominciando ad assumere un’aspetto piuttosto desolato, così un pomeriggio di settimana scorsa ho messo a fermentare una trentina di litri di birra speciale aromatizzata con la mia ricetta segreta che chiamai Fiòca (neve in dialetto) che rispetto all’ultima volta che l’ho prodotta ha maturato appena 4 mesi quindi quando la stappai lo scorso anno la trovata buona ma risultava ancora troppo giovane, così tanto per non sbagliare ho anticipato la cotta. Ora la Fiòca gorgoglia felice e soddisfatta nella sua damigiana in cucina mentre fuori dal tepore di casa l’inverno ci fa conoscere i rigori di un febbraio siberiano.

#brisino, #neve, #freddopolare,#lagomaggiore #brisino, #neve, #freddopolare,#lagomaggiore 

   #Brisino, #febbraiosiberiano

Questi sono i giorni della Giobia (si pronuncia con la O chiusa) che è un personaggio che anima le leggende pagane che si raccontavano ai bambini al caldo del focolare, è una strega ma molti la confondono con la più benevola e simpatica befana, la giobia infatti è brutta porta un cappellaccio e va ingiro senza scarpe ma indossa due pesanti calzettoni rossi. Si diceva che vivesse nel profondo dei boschi ed era considerata la signora dell’inverno percorreva enormi distanze con le sue lunghe gambe secche saltando di albero in albero e ovunque lei passava le piante si rattrapivano per il freddo gli animali morivano, i laghi gelavano ed i prati si ricoprivano di brina. La giobia era una golosona ma non sapeva cucinare e non poteva neanche accendere il fuoco in quanto il calore per lei era mortale come del resto il sole quindi si nutriva di bacche, animaletti e occasionalmente quando era particolarmente fortunata bambini che preferiva consumare crudi ma se riusciva a rubare del cibo cotto allora si che era festa grande. Andava letteralmente matta per il risotto alla luganega e per la polenta e odiava gli uomini ma provava maggior astio per le donne forse per una malcelata invidia per la gioia della famiglia, i figli e la calda accoglienza di un focolare. Di notte la Giobia usciva dal bosco ed entrava nelle case, anche se porte e finestre erano ben serrate riusciva a trovare una via per infilarsi od al massimo si calava dal camino una volta che il fuoco si era spento e bastava lasciarle sul tavolo in cucina un piatto con un poco di polenta o risotto che allora non si correvano rischi. 

#brisino, #neve, #freddopolare,#lagomaggiore

Man mano che l’inverno si accorcia e si avvicina la primavera la Giobia diventava più cattiva e pericolosa e le sue visite si facevano sempre più frequenti e se non era soddisfatta di quello che trovava erano guai seri, si narra che moltissimi anni fa in un paese intorno al lago vivesse una povera vedova che abitava con la figlia, una graziosa bambina, in una piccola casupola ai margini di un boschetto dove le due povere sfortunate riuscivano a stento a mettere insieme un pasto decente e molto spesso toccava loro la sfortuna di dover solo stringere la cintura a cena. La piccola spesso s’inoltrava nei boschi per raccogliere un po di legna e cercare qualcosa da mangiare anche se il freddo inverno non dava molta scelta, la madre sempre preoccupata per la figlia le raccomandava di scappare se avesse incontrato la strega, e di rientrare a casa prima del calare del sole dato che la vecchia malefica usciva solo la notte.

#brisino, #neve, #freddopolare,#lagomaggiore

Una sera la bambina perse la nozione del tempo distratta da delle nocciole che stava raccogliendo e malgrado tutte le raccomandazioni e precauzioni fu colta dalla Giobia che le si parò davanti e le disse: – Stasera verrò a farvi visita e se non troverò niente di buono tu verrai con me per farmi da dessert!!!

La bambina atterrita dal terrore corse a casa e raccontò tutto alla mamma che per proteggere la sua piccola cominciò a lasciare della polenta sul davanzale della finestra ogni notte, purtroppo però una sera la povera vedova si dimenticò la parte per la Giobia che arrivando dopo mezzanotte per avere la sua polenta non trovandola s’infuriò. La bambina che intanto si era svegliata si nascose sotto le sue coperte e con un filo di voce chiamava la mamma, ma la strega le aveva lanciato un incantesimo che l’aveva sprofondata in un sonno profondo, e nonostante le grida e le lacrime della figlia continuava a dormire pacificamente. Il mattino seguente quando la povera vedova si svegliò e cominciò a fare i piccoli mestieri quotidiani e la colazione fù pronta cominciò a chiamare la figlia ma non ricevette risposta, allora la richiamò…… ma nulla……fu allora che si ricordò della Giobia e subito ebbe un terribile presagio che fu confermato quando vide che il lettino della piccola era vuoto. Subito il suo pensiero corse alla dimenticanza della sera prima e disperata si gettò nel bosco alla ricerca della figlia, ma non la trovò c’erano solo gelo e silenzio. La notizia della malefatta della strega fece velocissimo il giro del paese creando paura e sgomento soprattutto tra le donne terrorizzate dall’idea che i loro tesori più preziosi fossero rapiti o peggio………Solo una mamma coraggiosa ebbe un’idea, che se avesse funzionato avrebbe risolto il problema, la sera preparò la cena per la sua famiglia ed in più un paiolo di risotto con la luganega che adagiò in un angolo del giardino che guardava ad est dove il sole del mattino arrivava presto. la Giobia, che quella notte aveva fatto razie in tutte le case, quando trovò il pesante paiolo ricolmo di delizioso risotto non resistette alla tentazione e cominciò a mangiarlo con buona lena non accorgendosi che alba oramai era prossima. Quando il primo raggio di sole rischiarò il nuovo giorno andò a colpire la strega alle spalle come una pugnalata, fù allora che si rese conto di essere stata gabbata e prima che riuscisse a scappare prese fuoco e con un grido di odio si accasciò e di lei non rimase che un piccolo mucchio di ceneri e stracci fumanti. Come per magia la vita cominciò a rifiorire nel villaggio, i fiori cominciavano e germogliare e i ghiacci si scioglievano e dal bosco ritornò la piccola figlia della vedova libera finalmente dall’incantesimo della strega che divenne un lontano ricordo.

Ecco qua un’altra piccola storia che racconta la mia zona, il mio lago e la mia Stresa, spero che vi sia piaciuta come a me è piaciuto raccontarvela, fuori fa freddo e sembra che la vecchia strega si stia vendicando del vecchio torto subito, ma io sono chiuso al caldo della mia casetta e tutto questo parlare mia ha messo sete quindi alla salute……prosit!!

#brisino, #neve, #freddopolare,#lagomaggiore 

 

 

  

 

 

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: