pensieri ed immagini della mia vita

Articoli con tag ‘heavy metal’

Manowar live @ Karlìn Forum Praga 20/01/2016

I Manowar sono uno di quei gruppi che ami o odi senza mezze misure, nel mio caso ho sempre avuto una grande ammirazione per i “Metal Kings” per il loro modo di essere dei coattoni, unici custodi del sacro fuoco del metallo, epici ed inossidabili sono sopravvissuti a cambi di mode e generi musicali. Quando, curiosando tra vari siti che parlano di musica metal venni a conoscenza che i nostri erano in tour non ci ho pensato due volte ed ho organizzato la trasferta in Repubblica Ceca.

2016-Gods-and-Kings-Tour-FB-profile-NEW-FINAL 

Ero molto eccitato per questo concerto, ho visto varie volte i Manowar e mi hanno sempre regalato grandi emozioni come quando al Gods of Metal del 1999 avevano mandato in delirio tutta la platea cantando “Nessun Dorma” la celebre romanza della Turandot di Puccini, che fece commuovere una platea ubriaca di metal e fiumi di birra. Praga mi sembrava la location perfetta con le sue storie e leggende per un concerto dei metal kings.

WP_20160120_004

Quando sono arrivato al Karlìn Forum ho avuto il tempo di farmi una birra e sgranocchiarmi un hot dog che le luci si sono abbassate si parte con I nostri che suonano “Manowar”, “Call to the Arm”,”Sons of Odin” granitici e senza sbavature c’è stato un emozionante omaggio ai fratelli del metal che ci hanno lasciato Lemmy, Scott Columbus, Dio e via dicendo mentre Karl Logan faceva sfoggio della sua tecnica sopraffina sulle note di “Master of the wind”.

WP_20160120_006

La performance dei nostri è stata ineccepibile, ma un’ora e mezza di show senza gruppo spalla mi sono sembrate un po’ poche un’altra cosa che mi ha deluso è stata il pubblico, sarà che sono Italiano quindi di natura passionale, ma il calore del pubblico era pari a quello di un gatto di marmo, sarà che sono abituato al calore delle arene italiche dove si canta, si fa sentire alla band la nostra presenza!! Un paio di mesi prima ero andato a vedere Anthrax e Slayer e Tom Araya ha interrotto lo show un paio di volte per calmare le intemperanze delle prime file, mi sono trovato a cantare per i fatti miei e ho cercato anche di pogare ma nessuno mi ha seguito, alla fine della serata uscendo dall’arena e osservando il pubblico ceco defluire calmo ed ordinato ho avuto un piccolo momento di nostalgia canaglia……neanche un porchettaro che venda generi di conforto, un concerto senza un panino porchetta cipolle/peperoni e ondate di maionese e birrona da battaglia non è un vero concerto metal!!!! Questa ed altre riflessioni mi giravano nella testa mentre mestamente tornavo in albergo…….ma un piccolo pub con un gruppo cover dei Iron Maiden e dell’ottima birra mi hanno distratto fino a notte fonda ma questa è un’altra storia.

Appunti di viaggio: Praga

 Eccomi a casa, davanti allo schermo del mio Pc che passo e ripasso le foto e cerco di trovare il bandolo della matassa di pensieri ed emozioni che questa città mi ha regalato. Praga è sempre stato un pallino, un viaggio che chissà per quale motivo era rimasto chiuso nel cassetto nonostante fossi affascinato dal suo alone mitico, rafforzato dai miti e dalle mille leggende che ancora impregnano per le antiche vie ciottolate del centro e che nelle fredde e brumose notti invernali riprendono vita. Una miscela di sacro e profano, di nobile e plebeo ed una storia degna della trama delle Cronache del ghiaccio e fuoco (il trono di spade) dove la differenza tra mito e realtà storica è talmente sottile da rendere difficile distinguere, in effetti, quale sia l’una o l’altra.

DSCN1218

DSCN1339DSCN1313

La spinta per tirare fuori questo viaggio dal cassetto però non è stata la cultura o la mia brama di viaggiare ma bensì la mia voglia di un concerto di sano e corroborante Heavy Metal. Curiosando tra vari siti ho scoperto che i Manowar erano in tour con uno show omaggio a due dei loro album più epici di sempre ovvero “Kings of Metal” e “Gods of War” e dopo un controllo veloce delle mie finanze sulla mia PostePay ero possessore dei due preziosi tagliandi e anche di due biglietti di andata e ritorno per la capitale boema.

2016-Gods-and-Kings-Tour-FB-profile-NEW-FINAL

Ed è così che mi addentrai per le antiche strade, dove ogni pietra erosa dal freddo e dai milioni passi che le hanno calpestate sono pregne di leggende e misteri dove il confine tra fantasia e realtà è una sottile linea tracciata tra le righe della storia.  

 

Ciao Jeff

249095_565516480149741_1252583607_n

Ieri il mondo del metal ha subito una grande perdita, Jeff Hanneman chiatarrista storico degli Slayer si è spento in ospedale della California del sud. La notizia l’ho ricevuta ieri mattina via sms da un’amico, pensavo ad uno scerzo ma quando ho aperto facebook ed ho letto il comunicato della band mi ha preso un senso di tristezza, anche se non lo conoscevo personalmente conoscevo la sua musica che è stata la colonna sonora della mia giovinezza. Jeff degli Slayer era l’elemento più schivo sul palco non si dimenava come un pazzo o correva da una parte all’altra dello stage era statico lui faceva parlare il suo strumento con i suoi riff duri come il granito e assoli potenti e veloci come un treno, ha posto la firma nella composizione di capolavori come Raining Blood, South of heaven e la lista dei capolavori di cui Jeff era compositore è molto fornita!

Artista timido e poco incline alle luci della ribalta il suo stile e la sua musica ha influenzato le nuove generazioni di metallari, sono tantissime le band che tra le loro inflenze più importanti citano gli Slayer. Jeff ci ha lasciato un grande vuoto musicale ed umano.

DSC03260

Mentre ieri mi ascoltavo in cuffia Decade of Aggression mi sono immerso dei loro concerti a cui ho partecipato, a quella selvaggia euforia che mi trascinava nel pogo sopprimendo ogni istinto di autoconservazione, mi ricordo quel Gods of Metal dove nell’esaltazione ho praticamente perso chiavi di casa, soldi, scarpe ed il biglietto per il giorno dopo………o quella volta che sono arrivato facendo stage diving fin sotto il palco dove lui e Tom Araya guardavano compiaciuti.

Pantera an angel 1[3] John-Bonham-BBc-6-Music

 images

Ora lo immagino là nel paradiso dei rocker a fare jam sessions con Dimebag Darrel, Cliff Burton, John Bonham e tutti quei grandi che hanno smesso di suonare quaggiù per cominciare a rockeggiare lassù! Comunque vada quaggiù rimarranno immortali perchè la loro arte oramai fa parte di noi e quando un ragazzino chiuso della sua stanzetta suonerà si suoi riff Jeff tornerà a vivere nella sua musica.

                                                                    

Ciao Jeff ci mancherai molto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: